Arturo Schwarz parla di ebraismo con Laras

Ateo, anarchico, surrealista. Ma anche ebreo. Così si definisce Arturo Schwarz, poeta, storico d’arte, esperto di Cabala e docente di antropologia tra Israele, la Sorbona di Parigi e diverse università in Usa. Domani, alle 18, Schwarz presenterà presso il Museo di Storia Contemporanea il suo libro «Sono ebreo, anche. Riflessioni di un ateo anarchico» (Garzanti), in cui dimostra come proprio nell’ebraismo, vissuto nella sua dimensione esistenziale e filosofica, sia possibile trovare le radici del suo atteggiamento e della sua filosofia di vita. Un testo in apparenza provocatorio che si rivela una guida preziosa alla ricerca del senso più autentico del vivere. L’autore ne parla con David Bidussa e il Rabbino Giuseppe Laras. Info: Via Sant’Andrea, 6. Ore 18.