Ascoli, al via la tradizionale Quintana 6 cavalieri nella giostra quattrocentesca

Sabato prossimo si disputa la celebre sfida di origine antichissima che unisce abilità cavalleresche e destrezza da tiro al bersaglio. Una rievocazione che ogni anno, riaccendendone le storiche rivalità, riunisce la città in festa

Ascoli - Ascoli fa un tuffo nel passato per vivere le atmosfere del Quattrocento attraverso la Quintana, rievocazione storica leader delle Marche. Si corre nella serata di sabato 10 luglio il Palio di agosto in onore della Madonna della Pace, alla quale domani sera la Quintana rende omaggio con una cerimonia sul sagrato del tempio di Sant’Agostino che introduce una giostra particolarmente attesa. Al campo dei Giochi dello Squarcia sabato si daranno battaglia sei cavalieri in rappresentanza di altrettanti sestieri (secondo l’antica divisione dei quartieri cittadini). Una sfida preceduta dall’imponente corteo di 1.400 figuranti in costume che al ritmo scandito dai tamburi e dalle chiarine dalle ore 19 in poi attraverserà il centro storico con in testa il magnifico messere, il sindaco Guido Castelli. La Giostra della Quintana è una gara di abilità e destrezza. I cavalieri sono chiamati a percorrere per tre volte (tornate) in sella ai rispettivi cavalli, armati di una lunga lancia, un percorso ad otto con al centro il Moro, un maestoso fantoccio il cui scudo va centrato al meglio. Vince il palio il cavaliere (e quindi il sestiere) che sarà stato più veloce in pista (senza commettere penalità) e più preciso al bersaglio. Favorito per la vittoria finale è il cavaliere di Foligno Massimo Gubbini, che correrà per Porta Tufilla. Gli daranno battaglia il cavaliere di Arezzo Luca Veneri della Piazzarola, l’ascolano Emanuele Capriotti di Porta Romana, Francesco Scattolini di Montecassiano, che giostrerà per Porta Maggiore, Willer Giacomoni di Faenza che dopo cinque anni di stop forzato torna ad Ascoli e difenderà i colori di Sant’Emidio Luca Innocenzi di Foligno, in pista per Porta Solestà. Al sestiere vincitore andrà il palio disegnato dall’artista ascolano Luca Fattori.