Ascolti, puntuale il «calo fisiologico» ma lo share tiene anche senza Benigni

Senza la forza trascinante di Benigni della prima sera, senza mega star straniere, senza premi Nobel. Solo con una grande quantità (e spesso anche qualità) di musica e la piacevolezza dell'intrattenimento. Non sembra vero di poterlo dire: nella seconda serata il Festival di Bonolis ha raccolto ancora una grande quantità di spettatori, nonostante il calo fisiologico, senza ricorrere ad artifici come caricare il palco di ospiti che nulla c'entrano, ma solo con una gara tra cantanti. La media tra le due parti è stata del 42,6 per cento con 9 milioni 856mila spettatori, dieci punti di share in più dello scorso anno. Nella prima parte, di solito la più vista, gli spettatori sono stati 12 milioni 340 mila (41,6 per cento). Insomma Del Noce e Bonolis han ragione a ritenersi soddisfatti.