Ascolto Walter o vado da Max?

Un dubbio macerante tormenta oggi militanti e dirigenti del Pd, chiamati a presenziare a due eventi che hanno come protagonisti il segretario Walter Veltroni il primo, il suo antagonista Massimo D’Alema il secondo: la conferenza programmatica del Pd a Bologna, aperta alle 18 da Veltroni, e la festa dell’Unità di Imola, inaugurata alle 20,30 dall’ex ministro degli Esteri. Che fare? In fondo si tratta di due modi di cercare uno scampolo d’identità. Essere fedeli a Walter e lavorare al programma? Cedere alle lusinghe di Massimo e, tra lo stand delle piadine e la sala dibattiti partecipare al rito più tipico del comunismo all’italiana? O seguire l’apertura dei lavori bolognesi e poi partire per Imola? Annose questioni della sinistra progressista.