Asia, 10 milioni di bambini in pericolo dopo l'alluvione

Rischiano di ammalarsi insieme alle loro famiglie, perché l'acqua che bevono è contaminata. In Bangladesh, Nepal, India e Pakistan sono in pericolo più di 23 milioni di persone: i monsoni hanno distrutto case e territorio

Roma - Dieci milioni di bambini bisognosi di aiuto e almeno 23 milioni di persone in pericolo in Bangladesh, Nepal, India e Pakistan, dove violente alluvioni stanno distruggendo da alcuni giorni il territorio. Le case sono state abbattute dalla violenza dei monsoni e l'acqua è stata contaminata. A rendere nota la situazione in cui versano i bambini dei Paesi devastati dal maltempo è Save the Children, già operativa per la ricostruzione, dalla costruzione di alloggi temporanei alla fornitura di sistemi per rendere potabile l'acqua, al materiale scolastico e i giocattoli per i bambini. Gareth Owen, direttore delle Emergenze di Save the Children: "Milioni di bambine e bambini sono stati costretti ad abbandonare le proprie case e la mancanza di ripari, cibo ed acqua potabile insieme all’esposizione al gran caldo e all’umidità li stanno esponendo a gravi rischi per la salute e la sicurezza".