Asia Bibi Da «Zapping» 150mila firme per la cristiana perseguitata

«Zapping», la trasmissione del Gr1,diretta e condotta da Aldo Forbice, ha concluso la sua campagna per salvare la vita della cristiana pakistana Asia Bibi: 150 mila firme sono infatti state raccolte e consegnate all'ambasciatrice del Pakistan a Roma perché li trasmetta al Presidente pachistano. Asia Bibi, una donna cristiana di 45 anni, con cinque figli, condannata all'impiccagione per blasfemia, continua a rappresentare il simbolo di una persecuzione dei cristiani crescente nei paesi asiatici e africani. La donna pakistana è stata arrestata nel 2009,in un villaggio del Punjab, accusata di aver gridato, nel corso di una lite frasi ingiuriose nei confronti di Maometto: subito dopo è stata processata e condannata a morte. Del suo caso si era interessato Shahbas Bhatti, ministro per le minoranze religiose, ma Bhatti è stato assassinato. Ora si attende un nuovo processo in grado di assolvere e di concedere la libertà alla donna. «Speriamo che l'iniziativa di Zapping -ha dichiarato Forbice- contribuisca a salvare la vita di questa donna. Dopo la nostra campagna vi è in corso una mobilitazione internazionale per Asia, che è diventata il simbolo di una persecuzione dei cristiani, sempre più ampia e sanguinosa in diverse aree del mondo».