Aspettando il «déblocage» con le migliori etichette laziali

La prima di una serie di manifestazioni per promuovere il vino più amato dai giovani

È domani il grande giorno del Novello. Come ogni anno alla mezzanotte tra il 5 e il 6 novembre avviene cosiddetto déblocage, e il vino giovanissimo prodotto subito dopo la vendemmia attraverso macerazione carbonica può essere commercializzato. Il Lazio è la sesta regione italiana per produzione quantitativa di questa tipologia di vino fresca e poco impegnativa anche nel prezzo (in media meno di 5 euro a bottiglia), con un numero di bottiglie che ora sfiora il milione l’anno. E proprio alla produzione laziale di Novello è dedicata la grande anteprima di domani al Parco della Resistenza, nell’ambito della prima edizione della «Biofiera» organizzata dall’assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio. A partire dalle 18 si svolgerà, a cura dell’Istituto del vino novello del Lazio, una degustazione pubblica e gratuita di alcune delle 28 etichette prodotte dalle 27 aziende che quest’anno si fregiano del marchio «Novello Latino». Ma quello di domani è solo l’antipasto. A partire da lunedì si celebreranno una serie di eventi per promuovere il Novello, tipologia di vino che va consumata nel giro di pochi mesi e che non a caso si sposa magnificamente con i prodotti dell’autunno, uno per tutti le caldarroste. Sono 157 i ristoranti, 21 le enoteche e 62 i punti della grande distribuzione teatro di promozioni e degustazioni. Il Novello Latino sarà anche nei punti di ristorazione di Camera e Senato. Ma l’epicentro della manifestazione sarà l’enoteca regionale Palatium di via Frattina: qui da lunedì 6 novembre a venerdì 22 dicembre si svolgeranno quasi ogni pomeriggio alle 18,30 ventisei degustazioni di altrettanti vini Novelli di aziende laziali. Si parte con la Cantina Cerveteri, si prosegue per la prima settimana con Gotto d’Oro (martedì 7), Pietra Pinta (mercoledì 8), Fratelli Ceracchi (giovedì 9), Donnardea (venerdì 10) e Cantina di Montefiascone (sabato 11). Il calendario completo delle degustazioni, così come la lista dei ristoranti e delle enoteche che metteranno in carta i Novelli laziali è disponibile sul sito www.novellolatino.it. Il Novello, ottenuto da macerazione carbonica, è un vino rosso giovane ma già maturo e quindi di pronta beva, con profumi piacevoli e caratteristici che lo rendono molto gradevole soprattutto per un pubblico poco smaliziato, in genere composto da giovani. Attratti anche dal prezzo basso. «Prezzo medio che è di 4,30 euro a bottiglia - sottolinea il commissario di Arsial, Fabio Massimo Pallottini - ovvero il 6,5 per cento per cento in meno rispetto al prezzo medio nazionale, a fronte di una qualità di alto livello».