Aspettando il nuovo socio si guarda al Frosinone

«Abbiamo dominato a Verona, dovevamo vincere, abbiamo sbagliato troppi gol, troppe occasioni ghiotte che potevano farla girare diversamente. Ed in punti sarebbero stati pesantissimi. Mi viene voglia a volte di perdere dieci kg e mettermi in campo anch'io. Ho sempre di più la convinzione che la squadra sia avviata verso la salvezza ed il Picco ci darà una grande mano nel momento decisivo». A parlare dopo Verona Spezia finita in pareggio è il presidente dello Spezia Ruggieri che in questi giorni sta concludendo l'ingresso in società di un nuovo socio. Sarà cosi Andrea Ermelli il nuovo azionista dello Spezia. «L'operazione è ormai conclusa, abbiamo affrontato la questione da ogni punto di vista, ormai stiamo per mettere nero su bianco», spiega lo stesso Ermelli, l'imprenditore parmigiano in trattativa per rilevare parte del pacchetto azionario dello Spezia Calcio.
Intanto il Frosinone, atteso sabato al Picco, è a pezzi. Di Deo, Di Venanzio, Fialdini verrano squalificati. In casa Frosinone c'è anche il caso Lodi, il giocatore che per volere del mister Jaconi, è finito in tribuna. Se mancasse anche lui... Brutte notizia infine per Napoli-Spezia del 3 marzo, la gara dopo Spezia-Frosinone di sabato, sarà quasi sicuramente a porte chiuse. Il San Paolo riaprirà solo il 13 marzo per la partita con il Vicenza e solo per gli abbonati. Sembra così scartata l'ipotesi del campo neutro per la sfida con lo Spezia. Un problema anche per le casse liguri, infatti lo Spezia perderebbe una consistente quota parte dell'incasso, che comprendeva anche la fetta di abbonati al Napoli Calcio. La più alta con quella del Ferraris.