Assago, vittima sul lavoro Precipita un montacarichi Morto un operaio, 2 feriti

Tragedia in un palazzo di Milanofiori: <strong><a href="/fotogallery/assago_precipita_montacarichi_vittima/id=2550-foto=1-slideshow=0" target="_blank">le immagini</a></strong>. Un ascensore precipita dal quinto piano: un operaio perde la vita, altri due gravemente feriti. Il pm ha deciso per il sequestro dell'impianto: per scoprire le cause. Forse una cattiva manutenzione

Milano - Un montacarichi è precipitato dal quinto piano di uno stabile ad Assago, comune alle porte di Milano. Un operaio è morto e altri due sono rimasti feriti. Dalle prime informazioni i tre operai sono tutti della stessa azienda, una ditta di trasporti con sede a Pioltello (Milano). I tre stavano trasferendo un rack di server destinato ad un’altra azienda presente nel complesso, che è un comprensorio commerciale. I due feriti sono stati trasportati in codice giallo all'ospedale Niguarda e all’Humanitas di Rozzano.

Una vittima, due feriti La vittima del grave incidente sul lavoro è Massimo Bertasa, 41 anni, di Cologno Monzese (Milano). Gli altri due operai rimasti feriti sono Giuliano Pasquale, 31 anni, originario di Cosenza, ricoverato al Niguarda, e Giovanni Kazari, 34 anni, operaio albanese regolarmente in Italia. Dei due feriti uno è in condizioni più gravi per una sospetta lesione alla colonna vertebrale ed entrambi, comunque, hanno subito un grave politrauma.

Accertamenti Uno o forse due degli operai rimasti coinvolti nell’incidente si trovava sul tetto della cabina montacarichi. Il particolare emerge da alcune indiscrezioni nei rilievi tecnici effettuati sul posto, il centro direzionale di Milano Fiori. L’ipotesi, non ancora confermata ufficialmente, cambia quindi in parte lo scenario dell’incidente: la squadra di operai che stava trasportando il rack dal quinto piano al -1, quindi, avrebbe commesso un’azione non ortodossa dato che mentre due operai, quello deceduto e quello ferito in condizioni più gravi si trovavano nell’ascensore, un altro o forse due si sarebbero posizionati sul tetto. e corrisponderebbero al terzo ferito, più lieve, e a una quarta persona che sarebbe stata medicata e non avrebbe riportato lesioni di rilievo perchè sarebbe riuscita ad attaccarsi ai cavi del montacarichi. Sul posto le indagini tecniche vengono condotte dai Vigili del Fuoco di Milano e dall’Asl competente e nonchè dalla polizia locale di Assago. 

 Il pm sequestra l'impianto Il pm di Milano, Claudio Gittardi, ha sequestrato l’ascensore montacarichi precipitato. Nelle prossime ore, quando avrà ricevuto le relazioni dei carabinieri di Assago, il pm aprirà un fascicolo con l’ipotesi di omicidio colposo.

In merito all’incidente all’interno dell’edificio dove, tra altri soggetti, ha sede T-Systems, l’azienda precisa con una nota che "questa mattina, la società ha supportato gli operai del corriere nell’operazione di ritiro di un rack di server. Si tratta di un’operazione di routine, che normalmente viene effettuata utilizzando il montacarichi condominiale, la cui manutenzione è in capo al proprietario dell’immobile. Il montacarichi può portare fino a 2mila kg di peso e il rack ne pesava meno di 100. Si ritiene, quindi, che l’incidente sia imputabile ad altre cause non collegabili al peso dello stesso rack. Precisiamo, inoltre, che T-Systems non è appaltatore del corriere che doveva ritirare il rack. T-Systems è profondamente addolorata per quanto accaduto, esprime il suo cordoglio per la morte dell’operaio ed è vicina alle famiglie delle vittime".