«Assassini protetti» Ma l’inchiesta finisce in archivio

Il gup Sandro Di Lorenzo ha archiviato, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma l'inchiesta sulle coperture che consentirono ad Achille Lollo, Marino Clavo e Manlio Grillo, condannati a 18 anni di reclusione per il cosiddetto rogo di Primavalle, di sfuggire all'arresto. I tre appartenenti all'estrema sinistra, furono considerati responsabili dell'attentato che provocò la morte dei fratelli Virgilio e Stefano Mattei nella notte tra il 15 e il 16 aprile del '73. Nella motivazione del provvedimento di archiviazione il giudice riconosce che la fuga dei tre fu favorita ma ammette «che gli accertamenti svolti dalla Procura di Roma non hanno portato a risultati sufficienti per identificare le persone che di quel favoreggiamento si resero responsabili».