Assegnati i premi «Pionieri della Nautica» Onorificenza alla memoria per Sergio Selva

Le scelte della giuria tra manager, maestranze, designer e giornalisti

Ecco i Pionieri della Nautica 2017, il riconoscimento istituito da Ucina giunto quest'anno alla XXVIII edizione.

Categoria manager

Fulvio Codecasa Nel 1955 è accanto al padre, nell'omonimo cantiere fondato da Giovanni, capostipite e maestro d'ascia. Nel '73 è al comando dell'azienda toscana che diventa Cantieri Navali Ugo Codecasa di F. Codecasa & C. Fulvio apre nuovi cantieri, fonda altre società, nel rispetto del blasone. L'azienda sa coniugare l'indiscussa arte navale con le più moderne e sofisticate innovazioni tecnologiche. Oggi il marchio è tra i più apprezzati nel panorama della nautica internazionale.

Maestranze

Francesco Banfo Viareggino di adozione, inizia la sua attività nel 1975 nel campo della motoristica. Il salto dal comparto automobilistico a quello nautico è datato 91, quando entra a far parte di Cgt. Presto si rivela l'uomo che fa la differenza quando si parla di motori, sia in materia di allestimento sia di assistenza tecnica. Punto di riferimento delle nuove generazioni, nel 2007 viene anche insignito della qualifica di super tecnico. Uomo dalla grande umanità.

Progettisti e designer

Aldo Cichero La sua firma si lega a numerosi cantieri nautici. Dagli esordi negli anni Sessanta con Baglietto di Varazze alla più stretta attualità c'è un oceano di collaborazioni importanti. Da quella con l'architetto Paolo Caliari, fino ai Cantieri di Santa Margherita Ligure per cui progetta tutte le Alalunga imponendo uno stile che ha fatto scuola. E ancora: presta il suo genio a Bmw, Cnr di Ancona, Admiral, Cantieri Puntorosso, Mondomarine, per cui firma oltre 50 barche e Lamborghini, soltanto per citarne alcuni.

Giornalisti italiani

Francesca Lodigiani Nata a Santa Margherita, ha un curriculum internazionale. Stimato avvocato e giornalista, scopre la sua passione per la nautica nel '77, negli Usa, quando si imbatte nella Coppa America. Tra i suoi maestri anche Indro Montanelli. Collabora con diverse testate: da Il Giornale a Gente Viaggi, passando per Ansa, Uomo Mare e Mare 2000. Dall'80 è tra le firme più autorevoli del quotidiano Il Messaggero. Dal 2011, inoltre, è segretario nazionale Classe Dinghy 12'. Sotto la sua segreteria è stato celebrato il centenario della Classe progettata da George Cockshott nel 1913, per il quale Lodigiani riesce a far emettere da Poste Italiane addirittura un francobollo.

Giornalisti stranieri

Michael Verdon scrive di nautica da 33 anni, prima come libero professionista, poi come direttore di tre periodici e siti internet. Per dieci anni ha inoltre ricoperto il ruolo di capo redattore per al Boating World magazine. Dal 1999 è redattore della rivista International Boat Industry. Dal 1992 al 2011, ha ottenuto 11 riconoscimenti in occasione del concorso Boating Writers International. Nel 2005 ha ricevuto il Nmma Government Award, prestigioso premio dell'Associazione dell'Industria Nautica Usa.

Premio speciale alla memoria

Sergio Selva Nel 1953 entra nell'azienda di famiglia, la Selva Lorenzo & Figli di Sesto San Giovanni. Si guadagna un nome nel panorama delle gare motonautiche accanto al fratello Ezio, come pilota su scafi Molinari. Negli anni Sessanta il salto imprenditoriale, quando la società si trasferisce a Tirano: alla progettazione di componenti per motocicli, si affianca lo sviluppo di motori fuoribordo, scelta fortunata per l'azienda. Il '73 è l'anno di una nuova e avvincente sfida insieme con Angelo Molinari. I due, infatti, fondano la Cantieri Angelo Molinari & C. per la costruzione di imbarcazioni in vetroresina con carene innovative a catamarano. Seguono l'inaugurazione del Cantiere Nautico Treesse - insieme con il figlio Stefano - e la Marlin Boat, oggi tra i leader nella costruzione dei gommoni.