Assegnati oltre 64 milioni per le politiche sociali

Oltre 64 milioni di euro complessivi, di cui 60 destinati agli ambiti distrettuali, 3,2 milioni al fondo di riequilibrio e quasi 200mila euro al fondo per la montagna: sono i riparti dei Fondi nazionali per le politiche sociali (Fnps) per il 2005 decisi dalla giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Famiglia e Politiche sociali, Giancarlo Abelli. Si tratta, spiega la Regione, di risorse destinate alle Asl lombarde e al Comune di Milano per l'attuazione dei «piani di zona» secondo il principio di sussidiarietà. Tre le finalità specifiche: lo sviluppo di titoli sociali, in particolare per l'attivazione dei voucher sociali entro il 2008 in ogni ambito distrettuale; la creazione di reti di servizi che si occupino di contrasto alla povertà, sostegno alle persone non autosufficienti, minori disagiati, donne in difficoltà, disabili, lotta alle dipendenze da alcol e droghe. Le risorse verranno assegnate ai diversi ambiti distrettuali tramite le Asl entro la fine di gennaio 2006. La Regione ha deciso inoltre di riservare quasi 2,5 milioni per interventi di lotta alla droga, e circa 3,6 milioni per attuare alcune leggi di settore: quella relativa ai progetti sperimentali a favore delle persone cieche e quella per i servizi di telefonia per persone anziane, oltre che per due progetti sperimentali di lotta alle nuove povertà che partirà da due quartieri disagiati di Milano nel 2006 per poi estendersi a tutta la Lombardia nel 2007.