Gli assenteisti incalliti fanno causa per mobbing

A luglio del 2007 erano finiti in manette in dodici all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Medici e infermieri, tutti ripresi dalle telecamere dei carabinieri ad assentarsi a più riprese dal lavoro, dopo aver fatto timbrare il proprio cartellino a un collega. Con l’arresto era scattata la sospensione dal lavoro. Durata solo poche settimane: già ad agosto la maggior parte era tornata al lavoro, pur essendo ancora pendenti le accuse di truffa per il reiterato assenteismo. Il tutto dopo che Regione Umbria e governo si erano sperticati in promesse di dure punizioni dei super assenteisti. Invece le sanzioni si sono perse nel lavoro inconcludente di ben tre commissioni d’inchiesta. E, come ha svelato pochi giorni fa «Il Giornale», gli assenteisti sono anche passati al contrattacco: hanno denunciato l’ospedale per mobbing.