Assessore e papà alla mostra dei cimeli

Con la Cappellini il centravanti dell'Inter del Mago Herrera

«Grande soddisfazione quando cultura e sport si uniscono nel celebrare la passione, le sfide, l'appartenenza a una squadra, a una maglia, a una citta». Così l'assessore alle Culture Cristina Cappellini che ieri ha visitato insieme a papà Renato (insieme nella foto) la mostra «Football Legends, Storia e Storie del Calcio» allestita al Palazzo Comunale di Sesto Calende. Il fatto è che papà Renato è proprio quel Renato Cappellini che era il centravanti dell'Inter ai tempi di Helenio Herrera. Per questo una particolare attenzione ai trecento oggetti, tutti rigorosamente originali, appartenuti ai campionissimi del pallone: maglie e scarpe che hanno fatto la storia del calcio. I proprietari? Gente come Rivera, Pelé, Maradona, Van Basten, Scirea, Zanetti, Mazzola, Gigi Riva, Messi, Maldini, Ronaldo, Platini, Cruijff, Seedorf, Zidane, Raul, Giggs, Di Stefano, Picchi, Suarez, Baresi. L'esposizione, aperta fino a domenica 17 luglio, un'occasione per vedere da vicino la maglia di Pelè o quella azzurra del 1938 indossata dal «Balilla» Giuseppe Meazza, l'eroe di quei Mondiali. Imperdibili anche i cimeli delle squadre che hanno partecipato alle più importanti competizioni del mondo, dai Mondiali Fifa alla Champions League; dalla coppa America alla coppa Uefa e alla coppa Intercontinentale, passando per le supercoppe europee e nazionali. «Decenni di storia e di storie calcistiche che prendono vita - le parole dell'assessore Cappellini al termine della visita - tra maglie e coppe, campioni e articoli di giornali che celebrano glorie di tutti i tempi».