Associazione Coscioni in pressing politico

da Roma

Proseguono a Palazzo Madama le audizioni in commissione Sanità dove sono all’esame diversi disegni di legge sul testamento biologico. Oggi tocca all’associazione intitolata a Luca Coscioni, malato di sclerosi e deceduto nel febbraio scorso. Il presidente dell’associazione, Maria Antonietta Farina Coscioni esporrà «le ragioni delle tante persone che si trovano in condizioni tanto gravi da non poter decidere il loro trattamento medico». La vedova di Coscioni giudica «assurdo che non vi sia ancora oggi un testamento nel quale poter indicare le proprie volontà e che non sia data a Piergiorgio Welby, capace di intendere e di volere, la possibilità pratica di dare esecuzione all’interruzione di un trattamento che sente sul suo corpo solo come accanimento terapeutico».