Assolto il calciatore accusato di stupro

Assolto. Dembelé Garra, il calciatore 22enne originario del Mali, oggi in forza all’Århus, non stuprò la studentessa americana della Temple University nei bagni del «Supper Club» di via de’ Nari il 9 ottobre 2006. Così ha stabilito ieri il giudice per le udienze preliminari Valerio Savio a conclusione del processo con rito abbreviato. Il pm Nicola Maiorano aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Soddisfatti i legali dell’atleta, secondo i quali però «il problema ora è ricostruire la figura del calciatore, gravemente infangata dall’arresto».