Assumere qualcuno e tenere il libro paga? Sei miliardi ma il governo vuole dimezzarli

L’area lavoro è il settore nel quale il governo Berlusconi è già intervenuto energicamente per diminuire gli oneri a carico delle imprese. Il dl sulla manovra triennale approvato la scorsa estate produrrà 3,5 miliardi di risparmi per le imprese. I costi per la tenuta dei libri paga e dei libri matricola dovrebbe scendere dai 6,165 miliardi dell’anno scorso a 3,3 miliardi. Altri 540 milioni saranno risparmiati con l’abolizione delle comunicazioni di assunzione e cessazione del rapporto di lavoro già prevista dalla Finanziaria 2007 del governo Prodi. Interventi importanti anche perché la materia già di per sé implica la compilazione di molti documenti come il prospetto informativo relativo alla situazione occupazionale che costa circa 16 milioni di euro. Allo stesso modo, ulteriori semplificazioni sono previste in materia di impiego dei disabili e relative comunicazioni che fino al 2007 hanno comportato per le aziende una spesa di oltre 40 milioni di euro. Il piano di Brunetta, Sacconi e Calderoli è ambizioso e potrebbe raggiungere quota 25 miliardi di risparmi entro il 2012.