Assunto il figlio della segretaria degli arbitri

da Roma

Maria Grazia Fazi, l’ex segretaria della Can, è uno dei personaggi al centro dell’indagine sportiva. Secondo alcune indiscrezioni il suo nome compare in cima alla lista dei federali che devono essere interrogati da Italo Pappa. Il suo nome ricorre in una serie lunghissima di telefonate: Moggi telefona prima a Lippi, poi a Mazzini quindi a Carraro per tentare di infilarla nell’ufficio della Nazionale. La spiegazione è semplicissima e la rivela lo stesso Moggi al telefono nel corso di una delle conversazioni: «Altrimenti succede un pandemonio».
La signora Fazi, segnalata a New York, ospite nell’albergo della Juve durante la finale della supercoppa d’Italia dell’agosto 2003, viene allontanata dall’incarico a causa di un diverbio con Pairetto. Alla sua uscita viene cambiata la serratura dell’ufficio. Secondo taluni avrebbe chiamato in giro qualche giornale per promettere rivelazioni, poi all’improvviso il silenzio. E nell’elenco degli assunti della federcalcio compare suo figlio.