Assunzioni «mirate» alla Talete di Viterbo

Un collocamento «mirato», a tal punto che il presidente diessino della Provincia di Viterbo sarebbe riuscito a far assumere la sua segretaria dalla Talete, la società che gestisce il servizio idrico integrato nella Tuscia. La questione è stata sollevata da Francesco Battistoni, già assessore all’Ambiente e ora consigliere di Forza Italia, che ha preannunciato un’interrogazione e ha scritto una lettera al presidente Alessandro Mazzoli. «Credo che non c'entri nulla - scrive Battistoni - il fatto che la signora in questione sia stata prima segretaria dei Ds e poi sua collaboratrice presso la segreteria della presidenza della Provincia. La Talete non è ancora partita a pieno regime però già sta assumendo e, mi perdoni la signora in questione, ma anche se perfettamente tutto in regola, questa assunzione non passa inosservata. Mi auguro comunque che sia stata data ampia diffusione alla richiesta di assunzione di personale portatore di handicap e nello stesso tempo mi complimento con gli uffici del collocamento mirato in quanto nello stesso giorno riescono a rispondere alla Talete, come si legge nella lettera degli stessi uffici del 29.10.07 prot. n. 103655».