Asti, morto dodicenne per uno sparo partito mentre giocava col fucile del padre

Il ragazzino era sceso nella tavernetta di casa insieme a un
coetaneo. In un armadio chiuso a chiave il padre custodiva sei fucili da caccia, e il ragazzino ne avrebbe preso uno per
mostrarlo all’amico

Asti - Un dodicenne è morto questa mattina a Villafranca d’Asti mentre giocava con il fucile da caccia del padre: dall’arma è partito un colpo che lo ha ucciso. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri del comando locale insieme al pubblico ministero Barbara Badellino, che si è recata sul posto. Il ragazzino, secondo le prime informazioni, era sceso nella tavernetta di casa insieme a un coetaneo, suo compagno di banco a scuola. In un armadio chiuso a chiave, il padre, imprenditore edile, custodiva sei fucili da caccia, e il giovane ne avrebbe preso uno per mostrarlo all’amico. Il proiettile lo ha raggiunto alla mandibola, e la morte è stata istantanea. La madre, nel frattempo, si trovava in cucina. Il corpo è stato portato alla camera mortuaria dell’ospedale di Asti, dove verrà effettuata l’autopsia.