Astrazeneca brilla a Londra

Inizio di settimana debole nelle piazze internazionali. A New York gli indici Dow Jones e St&P sono rimasti positivi, mentre il Nasdaq è finito poco sotto i livelli di venerdì. Bene i farmaceutici, dopo la sentenza favorevole a Pfizer, in rialzo di quasi il 10%. Bene anche Merck (più 5,8%) e Aig (più 1,4%). Realizzati i titoli tecnologici, con Cablevision System che arretra del 5% all’annuncio della mancata distribuzione di dividendi. Bene Google (più 2,8%), a nuovi massimi record, all’annuncio dell’acquisto del 5% del capitale America Online. Farmaceutici in tensione anche sulle piazze europee, con Astrazeneca che a Londra recupera il 3,2% e GlaxoSmithKline del 2%; in tensione anche First Tecnology (più 25%) dopo l’offerta fatta da Honeywell; sulla piazza britannica riprendono i minerari, con Bhp Billiton e Rio Tinto in crescita dell’1,5%. A Zurigo decolla Novartis (più 2,5%). A Parigi pesante Gaz de France (meno 3,9%) per uno stop all’aumento delle tariffe.