Astucci e diari? Qualcuno attende i «saldi»

Cartelle, astucci, e, perfino, diari. Sono numerosi gli articoli scolastici che, a lezioni già avviate, fanno ancora bella mostra di sé sugli scaffali di cartolerie e giocattolai. Gli studenti sono tornati sui banchi, ma contrariamente agli anni scorsi, molti usano i vecchi corredi. «Il caro-vita ha modificato le abitudini delle famiglie - commenta Carlo Rienzi, presidente Codacons -. Un tempo a settembre c’era la corsa agli acquisti di zaini e cartelle. Oggi, i genitori preferiscono aspettare che inizino i saldi, o, se non è possibile, scelgono le cartelle come regalo da mettere sotto l’albero». Il ritardo negli acquisti può essere una valida strategia per risparmiare ma deve fare i conti con gli inevitabili capricci degli studenti. Perché lo zaino vecchio si riconosce e, a causa del ritardo, anche quello acquistato a prezzo scontato. E a fare la differenza tra in e out per molti, è proprio il prezzo. Più un oggetto è ambito - e invidiato - più, di solito, è costoso. La regola vale a parti invertite: più è costoso, più piace, perché il kit scolastico tra i ragazzi fa status. Se hai quello «giusto» sei da frequentare, altrimenti sei emarginato. A complicare ulteriormente gli acquisti, contribuisce il mercato con periodici rincari. Per l’osservatorio Intesaconsumatori, quest’anno, si è registrato un aumento medio di spesa per il corredo scolastico pari al 7%, salito al 9 per gli astucci. Il caro-scuola riguarda già i bambini dell’asilo, educati da subito a diventare fashion-victim. Il panierino costa circa 25 euro. Allo stesso prezzo si trovano zainetti di modello americano. Più cari di 10 euro i mini-trolley. Le cifre salgono per elementari, medie e superiori. Il prezzo degli zaini oscilla tra 60 e 80 euro, senza accessori come le ruote, il copri-zaino per la pioggia, divenuto un trend, e necklace e pendagli che ogni alunno chiede, perché se è indispensabile avere quello che hanno tutti, è meglio aggiungere un tocco personale. Più economiche le tracolle, che quest’anno sembrano meno richieste. Le linee più apprezzate sono ancora, per lei, quelle delle Winx e, per le più piccole, delle Pixie. Sempre apprezzata la collezione Hello Kitty. Bene High School Musical, Hannah Montana e Baci e Abbracci. Per lui Batman, Spiderman e Power Ranger. Griffe e personaggi compaiono pure sugli astucci, dalla bustina ai modelli triplo e maxi, completi di pennarelli e matite. Le prime oscillano tra 8 e 11 euro, i secondi tra 24 e 29. La decantata convenienza dell’astuccio già completo, a volte, non resiste alle verifiche. Comprando bustina e oggetti sfusi si possono risparmiare più di 5 euro. Invariato il prezzo di quaderni e quadernoni, tra 1,10 e 1,8 euro, per quelli ad anelli si può arrivare a 8 euro. Si fa sentire la spesa per il diario: difficile trovare qualcosa di modaiolo che costi meno di 13 euro, da Pucca a Smemoranda e Skelanimals.