Atac, erano meglio le paline «stupide»

Guaste, montate al rovescio, ricoperte di scritte o adesivi, inattendibili. E, come se non bastasse, dislocate in fermate spesso non particolarmente importanti. Signori, ecco a voi le nuove paline elettroniche degli autobus, vanto del Campidoglio e dell’Atac. Abbiamo compiuto un viaggio per il centro di Roma per verificare di persona dove sono e come funzionano le cosiddette «paline intelligenti», che dovrebbero semplificare la vita agli utenti del trasporto pubblico e che, secondo il sito internet www.atac.roma.it, entro la fine del mese dovrebbero essere 285 a fornire informazioni su 189 linee. Un «tour» che fornisce un quadro sconfortante dell’efficienza di questo strumento. Come conferma un autista Atac: «Sono del tutto inaffidabili - confida -. Danno solo il tempo minimo e soltanto in condizioni di traffico scorrevole. Io stesso ho aspettato un autobus per 25 minuti e il display dava sempre 8 minuti di attesa! Avrebbero fatto meglio a spendere tutti quei soldi per riparare i nostri sedili molleggiati quasi tutti rotti».