Atene, scontri tra tifosi: un morto. Lo sport si ferma per 15 giorni

Atene - Partite di squadre di ogni tipo di sport sospese per 15 giorni. Il provvedimento è stato preso dal governo ellenico in seguito alla morte, ieri, di un giovane tifoso durante violenti scontri avvenuti prima di una partita di pallavolo femminile: il derby (infuocato in tutti gli sport) tra Olympiakos Pireo e Panathinaikos Atene. Lo hanno reso noto radio ateniesi precisando che la decisione è emersa durante una riunione d'emergenza convocata stamani dal premier Costas Karamanlis con il ministro dell'ordine pubblico Vyron Polidoras, con quello della giustizia Anastasis Papaligouras e con il vice ministro della cultura con delega allo sport George Orfanos. Si è appreso inoltre che durante i 15 giorni della sospensione, un'apposita commissione governativa incontrerà i responsabili di tutte le squadre greche per chiedere loro il rispetto e l'applicazione delle misure già previste dalla legge per contrastare la violenza nelle tifoserie. Il governo penserebbe però, sulla scia dei provvedimenti presi di recente in Italia per far fronte allo stesso fenomeno, anche a irrigidire le misure di legge già esistenti come, ad esempio, abolire la concessione della condizionale a chi viene arrestato sul fatto.