Atlantia & Gavio in Cile: un’asta da 400 milioni per due gestori autostradali

da Milano

Nuovi dossier in Cile per Autostrade Sud America (Asa). Il cda della società partecipata da Atlantia (45%), Gavio (45%) e Mediobanca (10%) ha dato disposizioni, secondo l’agenzia Radiocor, affinché la controllata Autopista do Pacifico partecipi alla fase di prequalifica per l’acquisto di due concessionarie autostradali cilene, Scada e Scadi. L’asta è stata indetta dal Bancomext che le controlla al 100%. Il valore è stimato da fonti cilene in circa 400 milioni di dollari. La procedura di asta dovrebbe concludersi entro il primo semestre del 2008. Scada nel 2006 ha fatturato 48 milioni di dollari, con una circolazione di 18 milioni di veicoli, mentre Scadi ha fatturato 21 milioni con un transito di 3 milioni di auto. Secondo la stampa latino-americana, ad essere interessati alle due concessionarie sarebbero anche investitori spagnoli e cileni. Autopista do Pacifico in Cile è nella fase di prequalifica anche per la concessione che riguarda la strada di accesso all’aeroporto Merino Benitez di Santiago, il principale del Paese. Resta aperto poi il dossier dell’eventuale partecipazione in joint venture con Impregilo - che è già in gara - per la prequalifica nella licitazione internazionale per la costruzione dell’autostrada urbana Amerigo Vespucio Oriente (13 chilometri) a Santiago. Secondo le ultime informazioni Asa - che in Cile controlla la Costanera Norte, società che gestisce in concessione una tratta autostradale di circa 43 chilometri attorno a Santiago, acquistata proprio da Impregilo - starebbe verificando la possibilità di partecipare alla futura società di progetto con una quota non superiore al 20 per cento.