Atlantia Risale il traffico, migliorano le stime

Atlantia alza le stime di fine anno portando le previsioni per il margine operativo lordo (ebitda) a oltre 2,160 miliardi da 2,050-2,080, grazie al miglioramento di efficienza e ai dati sul traffico positivi. Lo si legge nelle slide della presentazione che l’amministrazione delegato Giovanni Castellucci ha tenuto a Londra e che sono disponibili sul sito della società. Atlantia ha anche migliorato l’obiettivo di ebitda per il 2012 a 2,550-2,6 miliardi con un’ipotesi di crescita di traffico tra l’1 e il 2%. Dal 2009 al 2012, ora,l’ipotesi è di una crescita media ponderata dell’ebitda del 5,5%-6%.
Al miglioramento delle previsioni per il 2009 ha contribuito il minor decremento di traffico finora registrato rispetto a una stima di calo del 3%, con un trend in miglioramento che nel terzo trimestre ha visto la riduzione fermarsi al -0,7%. Inoltre il 2009 includerà 40 milioni di miglioramenti di efficienza e 10 milioni come contributo da parte di Los Lagos, acquisita da Itinere e consolidata per 6 mesi. La società, a cui fa capo la più grande rete autostradale italiana a pedaggio in concessione, ha anche illustrato la nuova previsione per il periodo 2009-2012. Lo scenario descritto da Castellucci è quello di un progressivo ritorno alla normalità economica, ma l’ad di Atlantia ha mantenuto una linea di prudenza. Sul dividendo, per esempio, ha detto che «è poco probabile che a marzo si decida di riportare la crescita annuale del dividendo al 10% dall’attuale +5%». La priorità è ridurre le strozzature della rete italiana. «Stiamo ricostruendo un terzo del sistema autostradale - ha aggiunto -: ovvero circa 900 chilometri di asfalto. Abbiamo un credit rating stabile pari ad A-, un piano d’investimento da 18 miliardi e riserve di liquidità per 4 miliardi».