Atm, in arrivo il pullman «scoperto» per i turisti

Schermi in piazza Duomo per controllare vetture e percorsi. Nuovi mezzi per 90 e 91

Autobus scoperti per i turisti, metrò fino alle 2 al sabato, filobus di nuova generazione sulle linee circolari 90 e 91. Le novità di primavera annunciate da Atm strizzano l’occhio soprattutto ai visitatori e ai giovani, che sembrano apprezzare di più i servizi dell’azienda di trasporto stando al sondaggio Ispo, secondo cui sette milanesi su dieci promuovono Atm.
Dal primo marzo la metropolitana non va più a dormire poco dopo la mezzanotte al sabato, ma resta aperta fino alle due: una sperimentazione di tre mesi, pronta a diventare definitiva se incontrerà l’ok dei cittadini. Sempre a marzo, le circolari 90 e 91 cambieranno faccia grazie ai dieci filobus Cristalis dalla livrea «verde con foglie» che entreranno in servizio dopo la fase di test, già in atto per tre di questi mezzi. Ma la new entry assoluta per le strade sarà quella dei Tintoretto: gli autobus scoperti ad un piano accompagneranno i turisti lungo un percorso che toccherà gli angoli più significativi dal punto di vista storico-artistico. Atm ha investito un milione di euro per acquistare da Iribus i cinque mezzi da quarantasette posti, tre dei quali inizieranno a circolare in aprile, forniti anche di piattaforma per il trasporto dei disabili e di una cabina climatizzata per una manciata di passeggeri.
Un’Atm che ingrana la quarta delle innovazioni dopo un 2005 con sei milioni di passeggeri in più rispetto all’anno precedente e il record di chilometri percorsi. Boom dei Radiobus: i sessanta bus a chiamata hanno raccolto 250mila passeggeri notturni rispetto ai 180 mila del 2004 e si apprestano ad ampliare il loro raggio d’azione. Nel 2005 il numero di corse non effettuate o deviate è sceso a 2,5 ogni cento e anche il numero dei sinistri è calato del 20 per cento. Numeri che rispondono alle 20mila lettere e alle 500mila telefonate con cui i milanesi hanno segnalato i disagi. Anche se l’indagine realizzata dall’Istituto per gli studi sulla pubblica opinione di Renato Mannheimer presenta una pagella con sufficienza piena per il servizio di trasporti: 6,2 il voto medio dei cittadini. Bilancio in nero tra l’ok convinto alla metropolitana e il 6 secco ai mezzi di superficie. Se i giovani sono soddisfatti, il cartellino giallo arriva dagli over 50 che si lamentano per i ritardi e l’affollamento dei mezzi. Disagi che Atm cercherà di limitare mettendo sul piatto un miliardo e 250 milioni di euro per i prossimi cinque anni, ma anche con un’operazione «Trasparenza». Uno schermo in piazza Duomo terrà aggiornati i cittadini sullo stato delle linee in tempo reale: una cronaca a flusso continuo di anticipi e ritardi in diretta dalla sala operativa. Intanto Atm si è aggiudicata l’appalto comunale per la costruzione di quattro parcheggi. Saranno interrati i posteggi di piazza Luigi Savoia, 1.088 posti di cui cento per residenti, di via Paleocapa, 424 posti, e al Piccolo Teatro. Due piani interrati e uno in superficie per i 451 parcheggi di Lambrate. I lavori dovrebbero partire a breve per concludersi entro la fine del 2007.