Atr, decolla un ordine da 100 milioni di dollari

da Milano

Ancora un contratto per Atr, la società aeronautica che ha come azionisti paritetici Alenia Aeronautica-Finmeccanica ed Eads. La compagnia aerea Azal, dell'Azerbaijan, ha ordinato 6 velivoli regionali Atr. La commessa ha un valore di 100 milioni di dollari e le consegne avranno luogo dal 2007. La scorsa settimana Atr aveva annunciato la formalizzazione di un ordine da 125 milioni di dollari per 7 Atr-72, con una opzione su altri 5, da parte della aviolinea regionale brasiliana Trip. Atr, guidata da Filippo Bagnato, ha chiuso il 2006 con risultati positivi: fatturato in crescita del 30% a 700 milioni di dollari, margine operativo (Ros) dell'11%, portafoglio ordini salito a 124 aerei. Atr per il secondo anno consecutivo ha battuto i rivali canadesi di Bombardier, ottenendo una quota del 60% del mercato dei velivoli regionali turboelica, in continua crescita grazie ai ridotti costi di esercizio di questi aerei. Nel 2006 Atr ha ottenuto ordini fermi per 63 aerei e opzioni su altri 25 ed ha inoltre collocato 31 aerei di seconda mano. Per quest'anno è prevista una nuova crescita del fatturato, che dovrebbe sfiorare il miliardo di dollari e nel il 2008 questo valore salirà a 1,2 miliardi. Atr sta quindi incrementando la produzione, che passerà a 44 aerei quest'anno rispetto ai 24 dello scorso anno. Nel 2008 saranno costruiti 60 aerei. Questo sforzo comporta nuove assunzioni di personale, sia direttamente ad Atr sia presso le società azioniste: 2.000 dipendenti in più nel giro di pochi anni in Italia e Francia. Un risultato eccellente per una società che nel 2003 era a rischio di chiusura e di cui Finmeccanica sta cercando di ottenere il controllo acquistando la quota di Eads.