Atroce fine per Tookie Williams: la sua agonia è durata 22 minuti

Il boia non riusciva a trovare la vena in cui inserire l’ago e la sostanza letale ha agito poi con imprevista lentezza

Mariuccia Chiantaretto

da Washington

L'agonia di Stanley Tookie Williams, capo della famosa gang dei Crips di Los Angeles, è durata 22 minuti. Il boia della prigione di San Quintino in California, dove Tookie è stato giustiziato, ha impiegato 12 minuti per inserire l'ago nella vena e il liquido letale ha fatto effetto con crudele lentezza. Williams, 51 anni, condannato nel 1981 per quattro omicidi, è stato dichiarato morto a mezzanotte e 35 minuti (le 9.35 di ieri mattina in Italia). La procedura per l'esecuzione era iniziata a mezzanotte e un minuto.
Fino all'ultima ora circa 2mila dimostranti vicini al penitenziario avevano sperato che il governatore repubblicano Arnold Schwarzenegger concedesse la grazia. Quello di Williams non è il primo rifiuto di grazia di Terminator, ma il terzo. Dal 2003, quando è stato nominato governatore, altri due condannati a morte hanno atteso invano la commutazione della pena. Una sentenza è stata eseguita, l'altra è stata sospesa all'ultimo momento dalla Corte d'appello che ha ordinato la revisione del processo.
Nelle sue ultime ore, Williams ha ricevuto il reverendo Jesse Jackson, il suo avvocato e Barbara Becnel, la donna che lo ha aiutato nella stesura dei libri per ragazzi contro la violenza delle gang. All' esecuzione hanno assistito 39 persone di cui 17 giornalisti, alcuni parenti delle vittime e cinque testimoni scelti da Tookie. Stanley Williams jr, figlio del condannato, non era presente perché in isolamento per motivi disciplinari nella High Desert State Prison di Susanville, dove sta scontando 16 anni per omicidio. Davanti al carcere, Joan Baez ha cantato «Swing low, sweet Chariot» mentre i dimostranti pregavano.
Tookie ha rifiutato di scegliere il menu dell'ultima cena e non ha toccato il panino di tacchino e cetrioli con maionese che le guardie gli hanno portato. Si è limitato a consumare una tazza di latte con cereali. Ha trascorso le ultime ore fumando e leggendo le cinquanta lettere ricevute nel pomeriggio. Alcune arrivano dall'Italia.
I testimoni dell’esecuzione hanno raccontato che il condannato era calmo. Al boia, in difficoltà con l’ago, ha chiesto: « Non si trova proprio questa vena?». Ha poi restituito con un cenno i baci che Barbara Becnel gli mandava. La donna, con le lacrime agli occhi, ha continuato a mormorare: «Dio ti benedica» e «Ti vogliamo bene». Quando è stata annunciata la morte, la signora Becnel, che si occuperà del funerale, ha urlato: «Lo Stato della California ha ucciso un uomo innocente».
L’esecuzione di Williams non è l'ultima del 2005. Oggi, salvo sospensioni, verrà messo a morte in Mississippi John Nixon, 77 anni, che nel 1985 uccise, dietro pagamento, una donna. Nixon sarà il giustiziato più anziano.