ATTACCHI INDISCRIMINATI

Gli indignati hanno preso di mira anche la parrocchia di San Marcellino e Pietro, tra via Labicana e via Merulana. Dopo aver tentato di sfondare la porta della chiesa hanno fatto irruzione nella casa parrocchiale, distruggendo alcuni arredi sacri, tra cui una statua della Madonna e un crocifisso. In parrocchia, c’era il parroco, don Pino Ciucci e diversi sacerdoti. Sconcertato il portavoce del vicariato di Roma Walter Insero: «Abbiamo visto scoppiare la protesta dalle finestre della parrocchia - ha spiegato - dei giovani incappucciati hanno divelto la porta della sala utilizzata per il catechismo, sono entrati, hanno affisso un manifesto e hanno distrutto quello che c’era dentro. Poi hanno preso una statua della Madonna di Lourdes e un crocefisso, li hanno portati in strada e li hanno frantumati. Un gesto blasfemo di profanazione che non ha alcun senso. Hanno tentato anche di sfondare la porta d’ingresso della chiesa, ma fortunatamente non ci sono riusciti».