ATTACCO DAL LIBANO

Il gruppo islamico delle Brigate di Abdallah Azzam, ritenuto legato ad Al Qaida, ha rivendicato il lancio di quattro razzi contro il territorio israeliano avvenuto la scorsa notte dal Libano meridionale. Lo stesso gruppo - che porta il nome di un ideologo giordano considerato il «padre» del jihad in Afghanistan - aveva rivendicato l’ultimo attacco missilistico contro Israele partito dal territorio libanese, nel settembre del 2009.
I razzi non hanno provocato vittime, causando tuttavia un incendio a un deposito di gas che è stato domato rapidamente; l’artiglieria israeliana ha
subito riposto al fuoco, colpendo ripetutamente l’area da cui sono partiti i missili. Il governo di Gerusalemme ha detto di ritenere responsabile del «grave incidente» le autorità libanesi che non lo hanno impedito.
Secondo osservatori israeliani l’attacco dev’essere in realtà considerato una sorta di avvertimento da parte di Hezbollah e dei suoi protettori siriani.