«Attenzione al razzismo»

Sociologa e antropologa tunisina, interessata in particolare alla storia del cibo, parla quattro lingue (tra cui la nostra) con un volto da fatina che, all’occorrenza, lascia spazio a una forte determinazione: questa è Lilia Zaouali, valigia sempre in mano tra il suo Paese, la Francia e l’Italia. «In Italia in questo momento c’è molta curiosità nei confronti del mondo islamico: si organizzano sempre più incontri come questi di Milano - commenta -. Tuttavia, cresce anche la diffidenza, oserei dire il razzismo, verso gli arabi allo stesso modo in cui aumentano diffidenza e razzismo degli arabi verso l’Occidente. Vi sono ancora troppe questioni irrisolte tra le due sponde del Mediterraneo».