«Attesa da gestire in maniera intelligente»

E pensare che contava soprattutto per il Milan. E lo si poteva constatare respirando l’aria serena di ieri sera in uno stadio Olimpico semivuoto nell’anticipo di campionato. I giallorossi avevano la mente al Manchester United, che nella Premier continua a far faville, il Milan no, il quarto posto se lo deve ancora conquistare. Per questo, l’1-1 contro i rossoneri - gran gol di Mexes, pari di Gilardino che poi si mangia il 2-1 - è un chiaro messaggio alla Lazio, nonostante due punti persi il secondo posto è ancora giallorosso che ieri, però, hanno sprecato troppo. Gli uomini di Spalletti insomma non mollano la presa anche se da oggi si penserà solo ai quarti di Champions.
Davanti ai microfoni il mister è soddisfatto ed elogia i suoi: «C’è rammarico per il risultato perché potevano vincere e consolidare il secondo posto, ma i ragazzi hanno fatto il loro dovere, buone trame di gioco, possesso palla e tanto pressing, avete visto che roba?». Tanta corsa nonostante l’impegno di mercoledì non è però un rischio?. «Deve essere così, mi fa piacere che i miei giocatori non si siano risparmiati, ora dovremmo gestire questi tre giorni che mancano alla partita di coppa in maniera intelligente, abbiamo un’appuntamento con la storia...». Sul gol subíto qualcuno parla di errore di Mexes. «No, lì è stato bravo Giulardino, ha evidenziato il suo senso del gol». Ma la Roma contro il Manchester dovrà finalizzare melgio. «A forza di scalare c’è sempre il rischio che qualcuno si liberi- aggiunge Spalletti - il calcio è così, ci vuole sempre compattezza e spero che i miei ragazzi si comportino diversamente mercoledì sera».
Infine un accenno a De Rossi e Pizarro, i migliori in campo. «Partita di gran livello la loro, ma anche Taddei non ha scherzato...»