Attimi di panico alla Camera Ma è solo colpa del parquet

Una disavventura stupefacente. Montecitorio, sala stampa, ieri pomeriggio. Sembra una giornata come tante di questi tempi, con ben poco da fare per i cronisti di Palazzo (gli onorevoli sono in ferie), quando a un certo punto nell’ambiente l’aria diventa irrespirabile: un fortissimo odore di colla costringe i giornalisti a «fuggire» nel cortile interno. Il giallo dei miasmi tossici è ben presto risolto: una squadra di operai stava incollando un nuovo parquet nell’ufficio del vicepresidente Antonio Leone (nella foto), e l’aria satura di colla era stata aspirata da una cappa accanto a una finestra lasciata aperta, e da lì era finita nell’aria condizionata pompata in sala stampa.