Attrice e missionaria Claudia Koll incontra i giovani al Quadrivium

Eccola di nuovo, Claudia Koll, a parlare di conversione e fede con i giovani. L'attrice sarà questa sera alle ore 21 nella Sala Quadrivium per trattare un argomento quanto mai stimolante, «Attrice e missionaria» sarà il tema di quella serata, che poi iun pratica è un po’ il racconto della sua vita, quella recente.
Solo pochi giorni fa la Koll era intevenuta ad un altro incontro, organizzato dal gruppo genovese del Movimento Apostolico Divina Misericordia, dall'Ordine dei Servi di Maria e dall'Ordine Secolare Carmelitano Scalzo, tenutosi nella Chiesa di Santa Maria dei Servi in Via Cecchi a Genova, affollata di fedeli nonostante la giornata feriale (venerdì pomeriggio), l'orario lavorativo (le quindici), il periodo consacrato ai preparativi per il Capodanno.
Tema dell'incontro la Divina Misericordia, la cui devozione si è diffusa nel mondo grazie a Santa Faustina Kowalska, l'umile suora polacca morta a 33 anni nel 1938, la cui esperienza spirituale ha segnato profondamente la vita e il pontificato del Servo di Dio Giovanni Paolo II che nel Giubileo del 2000 istituì la Festa della Divina Misericordia nella prima domenica dopo Pasqua. Relatori Carlo Gitto, Presidente Provinciale dei Carmelitani Scalzi Secolari, Monsignor Guido Marini, Cancelliere della Curia Arcivescovile, e, appunto, Claudia Koll.
Dopo la recita della Coroncina della Divina Misericordia, l'introduzione di Carlo Gitto, il quale ha sottolineato che la Divina Misericordia riguarda tutti, cristiani e non, e si rivolge particolarmente a coloro che non credono o sono lontani dalla fede.
Il Cancelliere Arcivescovile ha ripercorso alcuni passi centrali dell'Antico e del Nuovo Testamento ed ha concluso la sua relazione raccontando il proprio incontro con la figura e la spiritualità di Santa Faustina Kowalska, una testimonianza che ha toccato e commosso molti presenti.
Scorre con voce pacata e sorriso luminoso l'intervento di Claudia Koll: l'attrice racconta il suo incontro con la fede - con Gesù - avvenuto in circostanze difficili. Un incontro che ha cambiato in profondità la sua vita e il suo sguardo sulle cose e sulle persone, portandola in Burundi, Tanzania, Etiopia, Congo a sostenere l'opera e le Opere della Chiesa che da quelle parti sono davvero un bene per tutti, cattolici e non, senza dimenticare le situazioni di sofferenza di casa nostra perché «Gesù lo si incontra più facilmente nella sofferenza».
Terminati l’incontro Claudia Koll riceve il saluto di moltissimi presenti ai quali riserva un sorriso e un saluto densi copme un abbraccio. L’attrice risponde anche ad alcune domande.
Sta per iniziare un nuovo anno. Si usa dire Anno Nuovo Vita Nuova e ascoltando la sua vicenda viene da pensare che le sia accaduto qualcosa di simile…
«Il Signore perdonandomi mi ha donato un cuore nuovo in cui regna Gesù. Lui dice Io faccio nuove tutte le cose e quando rientra nella tua vita, la illumina con la Sua presenza. È il Creatore, ha creato il cielo e la terra e quando ti perdona ti ricrea».
Quando si parla di Divina Misericordia, chiese e sale si riempiono di persone…
«C'è una grande sete di Dio nel cuore dell'uomo».
Papa Wojtyla diceva «Tutto l'uomo aspetta tutto Cristo».
«Giovanni Paolo II° è stato una persona a me molto cara. Un Pontefice illuminante e ancora presente nel mio cuore come figura di riferimento. Quando si incontra Cristo e lo si vuol seguire non si può guardare a nient'altro che a Lui. È proprio il messaggio della Divina Misericordia Gesù confido in te».