Audi A4 Cabrio, il bello dell’automobile

Novità nei motori. Anche con cambio Tiptronic. Al top della gamma la versione S4

Bruno De Prato

da St. Tropez

Provare una cabrio molto bella, elegante e di alta qualità prestazionale sulle strade della Costa Azzurra è il sogno di ogni addetto ai lavori. Ma non quando tutta l’area è sferzata da vento e pioggia battente: un vero peccato. Ma questa sfortunata concomitanza atmosferica non ha impedito di apprezzare la raffinatezza del progetto stilistico e ingegneristico. Lunga 4,57 metri, Audi A4 Cabrio (listino da 37.650 a per la 1.8 T 20V a 68.650 euro della S4 V8 4.2 quattro Tiptronic) si presenta con un profilo pieno di slancio anche a capote chiusa, con molta grinta nel frontale e una coda ben arrotondata, che chiude magistralmente le fiancate forti e nitide. La capote merita una citazione di merito, non tanto perché si apre e si chiude, senza alcun intervento manuale, in poco più di 30” e anche a vettura in movimento (a non più di 40 orari), ma perché, in posizione chiusa, è perfettamente tesa e non genera fruscii, anche in presenza di forte vento laterale, come nel nostro caso. La virtù principale del progetto ingegneristico, che pone la A4 Cabrio come nuovo standard di riferimento nella categoria, è la rigidità torsionale della scocca, sempre il tallone di Achille di ogni struttura automobilistica.
I tecnici Audi hanno applicato accuratamente una quantità di rinforzi al pianale da renderlo capace di gestire perfino i 344 cv di potenza del V8 4.2 della S4 Cabrio. Noi ci siamo limitati a guidare la A4 Cabrio con le due motorizzazioni più nuove e di maggior spicco tecnologico: il quattro cilindri 2.0TFSI (43.700 euro), con iniezione diretta di benzina a turbosovralimentazione, e il V6 3.0TDI, turbodiesel common-rail di seconda generazione (48.750 euro).
Le potenze sono pregevoli: 200 e 233 cv, rispettivamente, con il secondo che sfiora i 500 Nm di coppia massima. Il primo era associato al classico cambio manuale a 6 marce, l’altro al nuovo Tiptronic, ugualmente a 6 marce, e alla trazione integrale Quattro. Grazie al raffinato sistema Bosch di iniezione diretta di benzina, Audi A4 Cabrio 2.0TFSI, rivela una densità di erogazione ai regimi inferiori di tutto rispetto. Il sistema Esp assicura un ottimo controllo della trazione e della correttezza direzionale anche su un fondo difficile come quello su cui abbiamo dovuto guidare. Il poderoso V6 turbodiesel, per contro, ha coppia da vendere già a 1.500 giri e l’eccellente Tiptronic la gestisce in modo impeccabile.
La 3.0TDI quattro fila via liscia e silenziosa come una grande berlina di lusso, grazie alla perfetta capote, disponibile anche in una versione ulteriormente insonorizzata.