Con Audi A6 Avant l’auto familiare diventa ammiraglia

FrancoforteLa nuova generazione dell’A6 Avant sarà una delle star dello stand Audi al Salone di Francoforte. L’identikit del nuovo modello rispetta i più recenti canoni della casa d’Ingolstadt per quanto riguarda design, finitura, efficienza e piacere di guida. Grande quanto il modello con cui si avvicenda (è lunga 4,93 metri), ha una linea autorevole e slanciata, nella quale si coniugano tratti eleganti e sportivi con altri che mettono in risalto la funzionalità che si pretende da una robusta familiare. La coda, infatti, pur essendo slanciata cela una zona di carico generosa, di forma regolare e con una cubatura che spazia da 565 a 1.680 litri, oltre che larga oltre 1 metro e con una soglia d’accesso bassa. Il portellone si attiva, avendo in tasca le chiavi della vettura, semplicemente facendo un movimento con la gamba sotto il paraurti posteriore. Anche l’abitacolo è molto ampio e realizzato accuratamente.
A questi fattori si aggiunge un equipaggiamento già in partenza molto completo, ma i più esigenti possono ricorrere sia a una nutrita schiera di optional qualificanti sia alle varianti Ambiente e Advanced (impongono esborsi che variano da 3.450 a 3.950 euro, secondo la motorizzazione) che sono ancora più accessoriate. Risultano disponibili per tutte le 10 versioni in cui si declina, al momento, l’offerta, originate dall’abbinamento tra 5 motori - i V6 a iniezione diretta di benzina di 2.8 e 3 litri sovralimentato con 204 e 300 cv e i turbodiesel a 4 cilindri di 2 litri con 177 cv e V6 di 3 litri da 204 e 245 cv - con la trazione integrale «quattro» e i cambi manuale, a variazione continua del rapporto Multitronic o a doppia frizione con 7 marce STronic. I prezzi spaziano da 44.300 a 57.000 euro. Più avanti si aggiungerà anche la bi-turbodiesel 3.0 Tdi Bit Tiptronic quattro con 313 cv, che sarà la più prestazionale della famiglia. Raffinata anche tecnicamente (pesa circa 70 kg in meno della precedente e adotta solo motori a iniezione diretta con Start/Stop) la nuova A6 Avant, nei limiti delineati dalla cilindrata e dalla potenze dei vari motori, sfoggia un carattere duttile che premia l’istintività della guida in ogni situazione anche nel caso della 2.0 Tdi, secondo le previsioni la più richiesta del lotto.
In questo periodo è commercializzata, a 56.800 euro, anche la Q5 Hybrid quattro. Estrapolata dalla 2.0 Tfsi, dalla quale si distingue esteticamente soprattutto per l’assetto ribassato di 25 mm e i cerchi «aerodinamici» da 19” che integrano un equipaggiamento molto ricco, è spinta da un sistema propulsivo formato da un motore turbo a iniezione diretta di benzina da 211 cv e da un’unità elettrica da 45 cv, posta tra il motore termico e il cambio automatico-sequenziale Tiptronic a 8 rapporti, che funge anche da motorino d’avviamento e da alternatore. Il sistema genera una potenza complessiva di 245 cv e una coppia di 480 Nm, assicurando alla Q5 Hybrid quattro la possibilità di toccare i 225 orari e di raggiungere i 100, partendo da fermo, in 7,1 secondi, a fronte di percorrenze medie di 14,5 chilometri con un litro. È anche in grado di muoversi unicamente nella modalità Emissioni Zero per qualche chilometro. Lo stesso gruppo propulsore equipaggia anche l’A6 Hybrid berlina, in vendita dall’inizio del 2012.