Augello: «Io candidato? Non scherziamo»

Raggiunto in Andalusia dalla notizia che lo vorrebbe possibile candidato della Cdl contro Veltroni, Andrea Augello (An) se la ride. «Non ci deve essere niente di profondamente meditato dietro - spiega l’ex assessore al Bilancio della Giunta Storace -. Nessun piano dettagliato visto che sono in vacanza. Comunque bisognerebbe smetterla di dare nomi ai giornali e pensare invece a un tavolo serio tra alleati per trovare il nome giusto».
Quali le mosse più urgenti?
«Per esempio non sarebbe sbagliato legare al nome quattro priorità. E comunque più che al programma bisogna definire la strategia su cui organizzare il consenso. Serve, per dire, controinformazione su quello che il sindaco Veltroni ha significato veramente per questa città».
È necessario che il candidato sia di An questa volta?
«Nel caso di un politico potrebbe esserlo. Ma è più importante che sia un nome di primo piano. Se dovesse essere un esponente della società civile, invece, dovrebbe essere molto legato alla città».