Gli auguri a polizia e carabinieri prima di una notte di superlavoro

È stata una notte di superlavoro quella di Capodanno per le forze dell’ordine a Roma per garantire la sicurezza ai cittadini, che hanno dispiegato in città migliaia di poliziotti e carabinieri. E prima della mezzanotte i vertici di polizia e carabinieri sono andati in piazza di Spagna, dove erano schierate alcune pattuglie delle volanti della polizia e delle gazzelle dei carabinieri per fare loro gli auguri di buon anno. A rivolgere un saluto, auguri di buon anno e un ringraziamento per il lavoro svolto ai poliziotti e ai carabinieri, è stato il questore di Roma Giuseppe Caruso, insieme con il comandante provinciale dei carabinieri Vittorio Tomasone, dalla mezzanotte diventato generale, dal dirigente dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della questura Raffaele Clemente, dal dirigente dell’ufficio stranieri Maurizio Improta e dal comandante della stazione dei carabinieri di San Lorenzo in Lucina Tommaso De Simone. L’Arma ha impiegato oltre mille uomini in una serie di controlli a Roma e provincia lungo le principale arterie stradali anche con l’ausilio di etilometri, drug test ed autovelox. L’obiettivo principale era quello di evitare che qualcuno, alla guida del proprio mezzo ubriaco o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, potesse mettere a rischio la propria incolumità e quella di altre persone.
Trattandosi della notte di San Silvestro era facile prevedere che ci sarebbe stato un intenso flusso di auto. Per questo i carabinieri hanno impiegato una stazione mobile con sofisticati dispositivi di controllo alla circolazione stradale. Insieme con i vertici delle forze dell’ordine anche tanti romani e turisti, che festeggiavano in piazza di Spagna il nuovo anno, hanno fatto gli auguri a poliziotti e carabinieri.