Aumenta l’utile ma anche i costi

Banca Imi, la banca d’investimento del gruppo Intesa Sanpaolo, ha chiuso i primi nove mesi con un utile netto al 30 settembre di 421,6 milioni (+2,8%) «nonostante minori profitti derivanti da trading», si legge in una nota. Il margine di intermediazione è cresciuto a 822,8 milioni (+0,5%): l’incremento delle risorse e i più elevati investimenti hanno fatto registrare costi operativi per 217,2 milioni rispetto ai 190,4 milioni dell’anno precedente. Il risultato della gestione operativa risulta quindi pari a 605,6 milioni, in calo del 3,6%. Confermata, infine, la solidità patrimoniale della banca: migliorano infatti il Core Tier 1 e il Tier total, saliti entrambi dal 10,3% del 31 dicembre 2009 al 10,9 per cento.