Aumenta le vendite e scinde gli immobili

Esselunga

Nel 2004 il gruppo Supermarkets italiani, la cui capogruppo controlla la Esselunga, ha chiuso il bilancio consolidato con un utile netto di 107,8 milioni contro 119,2 milioni nel 2003 e un utile ante imposte di 197,9 milioni contro 137,2 milioni dell’esercizio precedente. Il gruppo ha realizzato vendite per 4,178 miliardi (più 3,6%), un margine operativo lordo di 376,7 milioni (da 326,8 milioni nel 2003) e un risultato operativo salito a 214,2 milioni (164,3 milioni nel 2003). L’assemblea dei soci di Esselunga, azienda milanese della grande distribuzione, ha approvato la scissione e la costituzione di una nuova società, La Villata Immobiliare di investimento e sviluppo. La nuova società, si legge in un comunicato, avrà sede a Milano e capitale sociale pari a 45 milioni. «Obiettivo dello scorporo - precisa la nota - è la separazione delle attività commerciali dalla proprietà immobiliare che vede il passaggio di 84 immobili alla nuova società».