Aurelio Uccise il genero durante una lite: anziano suicida

Si è ucciso lanciandosi dalla finestra di uno stabile di via Cardinal Agliardi, all’Aurelio, il pensionato romano di 71 anni, che il 28 agosto esplose tre colpi di pistola contro il genero, un tunisino di 33 anni, al culmine di una lite. La vittima morì il 18 settembre al Sant’Eugenio. Il ferimento avvenne all’interno del Monte dei Paschi di Siena, in via Aldo Fabrizi All’origine della lite le cattive relazioni tra il tunisino e la sua compagna. Il 33enne e la donna, 43 anni, si erano conosciuti un anno fa. Le nozze dopo appena due mesi: i due erano andati a vivere nella casa di lei, ma da subito erano nate discussioni e litigi. La donna, dopo pochi mesi di matrimonio, celebrato 10 mesi fa, era tornata a casa dei genitori con i quali si sfogava raccontando che il marito era un violento. Il padre della donna avrebbe tentato più volte di fare da paciere chiedendo all’uomo di lasciare l’appartamento della figlia. All’ennesimo rifiuto lo ha raggiunto sul posto di lavoro. Al culmine di una discussione l’anziano esplose tre colpi di pistola. Il 71enne venne bloccato mentre lasciava l’edificio, con ancora la pistola in mano. Venne arrestato per tentato omicidio. Il capo di imputazione cambiò in omicidio dopo la morte del 33enne. Venerdì l’uomo è stato trovato morto da una condomina.