«Aurora vietata al nuovo lui della Hunziker»

Gianluigi Nuzzi

da Milano

«Decidendo solo sull’aspetto in via d’urgenza, si inibisce Michelle Hunziker dal far frequentare la figlia Aurora al compagno Salvatore Passaro rimettendo la decisione sull’affido alla nona sezione penale». Con queste parole il giudice Alda Vanoni assegna una prima vittoria al Eros Ramazzotti. A nemmeno 24 ore dall’udienza sollecitata dal cantante contro l’ex moglie per ottenere l’affido della piccola arriva così la scelta del tribunale. Evidentemente il tribunale in relazione ad Aurora non ha riconosciuto come idonea la presenza o la frequentazione di mamma Michelle con Passaro, al punto di vietarne i contatti. Ma nemmeno ha ritenuto che la situazione impone l’immediato affido al padre della bambina. Fortunatamente - per la piccola - la Hunziker non vive con l’attuale compagno. E questo dovrebbe facilitare, operativamente, i movimenti quotidiani, i giochi, insomma l’attività della figlia.
Sembra che il giudice, nel provvedimento, abbia colto e fatto propria la circostanza riferita dalla Hunziker di non frequentare più la pranoterapeuta Giulia Berghella. Sarebbe insomma caduta in secondo piano la vicenda raccontata in udienza sulla presunta setta dei Guerrieri della luce e dell’associazione Gelsomino che avrebbe visto la Hunziker come partecipe. «L’importante è che la bambina - commenta in un comunicato Passaro - resti con la madre. Non comprendo però la ratio di quanto provvisoriamente deciso dai giudici, ma ne rispetterò le indicazioni». Soddisfatta Annamaria Bernardini De Pace, avvocato di Ramazzotti: «Si tratta di un provvedimento - sottolinea - che accoglie sostanzialmente la nostra richiesta e costituisce una buona base per l’affido della bambina al padre». Ora la vicenda passa al vaglio della nona sezione del tribunale civile, che si interessa di diritto di famiglia. I giudici, dopo il 15 settembre, valuteranno a chi affidare la piccola di sette anni, figlia di Michelle e Ramazzotti. E si annunciano giorni di battaglia. I difensori lavoreranno per raccogliere altri elementi da sottoporre ai giudici sulla controparte. Non è escluso che la difesa di Ramazzotti punti a raccogliere e depositare le testimonianze di alcuni clienti della Berghella. A questo punto infatti in tribunale si dovrà decidere chi tra i due ex coniugi è da ritenersi più affidabile e serio per ottenere l’affido di Aurora. I tempi sono abbastanza ridotti: ripresa a metà mese la tradizionale attività nella cittadella giudiziaria, verranno valutati il ricorso di Ramazzotti, il verbale d’udienza, per poi fissarne una nuova e convocare la presentatrice e il cantante.
gianluigi.nuzzi@ilgiornale.it