Australia, forum economico: arrestato finto Bin Laden

Tunica bianca e barba lunga, un uomo quasi identico al capo di al Qaeda è arrivato a un
passo dall’albergo in cui soggiorna Bush. La polizia australiana ha fermato la finta
delegazione e messo agli arresti undici persone, tra cui Chas Licciardello, alias Osama. Si trattava di uno scherzo per il programma tv satirico "The Chaser’s War on
Everything"

Sydney - Alla polizia australiana lo show non è proprio piaciuto. Osama Bin Laden si è invitato dal Forum economico dell’Apec che si svolge a Sydney. Tunica bianca e barba lunga, il nemico uno degli Stati Uniti è arrivato ad un passo dall’albergo in cui soggiorna il presidente americano George Bush, scendendo da macchina canadese con tanto di scorta. Nei pressi dell’albergo Intercontinental però la polizia australiana ha fermato la finta delegazione e messo agli arresti undici persone, tra cui Chas Licciardello, alias Osama, ufficialmente per violazione della zona ad alta sicurezza del vertice.

Lo scherzo è stato organizzato dal programma televisivo satirico «The Chaser’s War on Everything», la tv Abc, Australian Broadcasting Corporation. «Abbiamo scelto la bandiera del Canada» ha spiegato Chris Taylor, uno dei protagonisti dello show, «perchè con tre macchine e qualche moto, il corteo avrebbe dato meno nell’occhio». Gli attori e i produttori sono stati rilasciati su cauzione. Laconico il commento un po' imbarazzato del ministro degli Esteri australiano Alexander Downer secondo cui l’arresto della troupe ha mostrato che il sistema di sicurezza ha funzionato.