Australia, trovata la lista di Schindler

Era in una biblioteca di Sydney. Tredici pagine ingiallite con 801 nomi di lavoratori ebrei da salvare in una copia carbone dell'originale. Sarà esposta a partire da oggi

È la lista della salvezza, la lista che ha tracciato una linea tra la vita e la morte, tra il bene e il male. Ora qualcuno l'ha ritrovata per caso. La Schindler's List, una copia carbone della reale lista stilata da Schindler per aiutare lavoratori ebrei a scampare all'Olocausto e resa famosa dal premio Oscar Steven Spielberg, era in una biblioteca australiana e sarà messa in mostra a partite da oggi.
Contiene i nomi degli ebrei salvati dai campi di concentramento nazisti, durante la Seconda Guerra mondiale, dall'industriale tedesco Oskar Schindler. Le 13 pagine, sempre più ingiallite, sono state ritrovate tra ritagli di giornale e appunti da un ricercatore alla New South Wales Library di Sydney, mentre setacciava le scatole di manoscritti che la biblioteca aveva acquistato nel 1996.
«La lista originale fu compilata frettolosamente il 18 aprile del 1945, durante gli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale, e ha consentito di salvare 801 persone dalle camere a gas», ha detto il co-curatore della biblioteca Olwen Pryke, che ha trovato il reperto. «È un incredibile e commovente pezzo di storia».
La lista dovrebbe essere stata data a Keneally da Leopold Pfefferberg, lavoratore ebreo e numero 173 nella lista, in occasione di un incontro fortuito nel negozio di pelletteria di Pfefferberg, a Los Angeles, nel 1980.
Ma il portavoce della biblioteca australiana ha riferito che questa lista dovrebbe essere solo una di quelle fatte da Schindler e che non esiste una lista definitiva con cui contare il numero di persone salvate dall'industriale tedesco.
Pfefferberg convinse Keneally a scrivere di Schindler, morto nel 1974 ed il cui eroismo è rimasto sconosciuto al grande pubblico fino a che non è stato documentato dallo scrittore.
Dal libro, datato 1982, fu tratto il film "Schindler's List" del 1993, con protagonisti Liam Neeson, Ralph Fiennes e Ben Kingsley, che vinse sette Oscar. Più di 1.100 persone vennero salvate da Schindler, un iscritto al partito nazista, che costruì una fabbrica metalmeccanica a Cracovia, durante la guerra, con impiegati lavoratori ebrei.
Utilizzando prestigio e pagando funzionari nazisti, riuscì a convincerli che questi lavoratori erano essenziali ai fini della guerra e che quindi non dovevano essere mandati nei campi di concentramento. Per farlo utilizzò tutti i soldi accumulati in una vita.