Gli australiani puntano sulla Borsa di Londra

Il gruppo bancario australiano Macquarie ha detto che potrebbe presentare in cordata con altri investitori un'offerta in contanti di 1,4 miliardi di sterline (circa 2 miliardi di euro) sul London Stock Exchange. Macquarie Bank ha poi dichiarato in una nota che sta valutando un certo numero di potenziali acquisizioni che includono la possibilità di un'offerta formale all'operatore di Borsa londinese, sebbene le deliberazioni in merito siano ancora in fase preliminare. La precisazione arriva dopo l'indiscrezione sulla possibile offensiva da parte di Om Gruppen, gruppo proprietario dell'operatore di Borsa svedese. L'Lse, da parte sua, ha dichiarato di non avere ricevuto un approccio di offerta formale da Macquarie e di avere fiducia sulla prospettiva di restare una società indipendente.