Austria, confessa il padre-padrone Le immagini della "casa degli orrori"

Il 73enne Josef Fritzl ha ammesso le sue responsabilità. La polizia aveva ritrovato
una cella imbottita e insonorizzata (<strong><a href="/media.pic1?ID=499" target="_blank">guarda le immagini</a></strong>) all’interno del nascondiglio dove <strong><a href="/a.pic1?ID=257838">l’uomo teneva
segregata la figlia</a></strong> da 24 anni

Vienna - L’austriaco 73enne Josef Fritzl ha confessato e ammesso le proprie responsabilità in relazione ai principali capi d’accusa a suo carico. Secondo la Welt online, poco prima della confessione dell’uomo, la polizia aveva ritrovato una cella imbottita e insonorizzata all’interno del nascondiglio garage dove l’uomo teneva segregata la figlia, da 24 anni, e tre dei figli avuti dalla relazione incestuosa.

Leopold Etz, della squadra anticrimine della Bassa Austria, ha confermato alla Welt online che l’uomo ha confessato: "Josef Fritzl ha ammesso le sue colpe principali. Ha offerto una descrizione esitante dei fatti, ma si è mostrato pronto a parlare".

Solo nella serata di ieri la polizia austriaca, grazie al codice segreto confessato dall’uomo, è riuscita ad entrare nel superprotetto nascondiglio nel quale l’uomo teneva segregate le sue vittime. I locali non sono più alti di un metro e settanta, le stanze chiuse ermeticamente, senza alcun affaccio esterno: vi sono letti, un bagno, un televisore e un cucinino.

L’uomo sarà trasportato in giornata dai locali della polizia di Amstetten nella prigione di St. Polten, capoluogo della provincia. La figlia di Josef Fritzl, una donna di 42 anni, Elisabeth, è stata tenuta sequestrata e violentata dal padre per 24 anni. Dal rapporto incestuoso sono nati sette figli, uno dei quali morto poco dopo la nascita, che ora hanno tra i 5 e i 19 anni. Tre figli (i primi due e l’ultimo) sono rimasti segregati assieme alla madre fin dalla nascita nella cantina della casa di famiglia. Gli altri tre hanno vissuto una "vita normale" assieme ai nonni, da cui sono stati adottati. Ufficialmente, la figlia era scomparsa, rapita da una setta, e avrebbe "lasciato" loro i bambini.