Austria, incendio in un ospizio morti 11 anziani

da Vienna

Un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato ieri sera in un ospizio a Egg, nel Land occidentale austriaco del Vorarlberg, al confine con la Svizzera, causando la morte di undici anziani e il ferimento di altri sei di cui tre in modo grave. Si tratta della sciagura più grave in Austria dall’incidente alla funicolare del Kitzsteinhorn a Kaprun, sulle Alpi austriache, nella quale nel 2000 155 persone persero la vita.
Secondo quanto reso noto dal governatore del Land, Herbert Sausgruber, altri sei ospiti del «Vinzenzheim» (casa di riposo Vincenzo) e due addetti del personale sono rimasti illesi. Nel ricovero erano alloggiati 23 anziani. Le cause dell’incendio, sprigionatosi attorno alle 19 di ieri sera in una camera posteriore al primo piano dell’immobile di tre piani, non sono ancora accertate. Indagini sono state avviate dalla polizia criminale regionale. Informazioni secondo cui le fiamme sarebbero scoppiate in una cappella dell’edificio sono state smentite. Per spegnere le fiamme sono accorsi 250 vigili del fuoco. Le vittime, di cui ancora non è stata resa nota né l’identità né l’età, erano tutte persone che avevano bisogno di assistenza e sono decedute per intossicazione da fumo. I feriti sono stati ricoverati in ospedali della regione - nel capoluogo Bregenz, a Dornbirn e a Hohenems - mentre gli illesi sono stati sistemati in centri della zona. I parenti delle vittime sono stati portati in un asilo nelle dirette vicinanze del ricovero: dieci persone della squadra di intervento di crisi del Land si prendono cura delle famiglie in stato di shock.