Auto, crolla il mercato: -25,8% Unrae: "Nel 2009 ancora giù"

Un altro mese nerissimo: è il settimo consecutivo di flessione nelle immatricolazioni. Nei primi 11 mesi del 2008 vendite a -7,1% sullo stesso periodo del 2007. La Fiat aumenta la sua quota di mercato: dall'8,1 all'8,3%. <strong><a href="/a.pic1?ID=314663">In Italia 200mila in cig</a></strong>

Milano - Novembre nero per il mercato automobilistico europeo. Nel mese scorso, secondo i dati diffusi dall’ Acea, le immatricolazioni di auto nuove in Europa (27 paesi Ue più quelli Efta) sono ammontate a 932.537 unità, in calo del 25,8% rispetto allo stesso mese del 2007. Ad ottobre il calo era stato del 14,5%, a 1.134.031 unità. Il mercato italiano, nel dettaglio, ha registrato una flessione del 29,5% (138.352 unità) dopo la flessione del 18,9% di ottobre. Nei primi undici mesi del 2008 le immatricolazioni di auto nuove sono ammontate in Europa a 13.788.256 unità (-7,1% sullo stesso periodo del 2007). Novembre è il settimo mese negativo consecutivo per il mercato europeo. Il risultato del mese scorso, spiega l’Acea, è inoltre aggravato da due giorni lavorativi in meno nell’area.

Ma anche il 2009 L'Unrae, che rappresenta le case automobilistiche estere in Italia, stima per il 2009 un calo delle immatricolazioni nel Paese del 14 per cento (1,85 milioni di unita'). Il primo trimestre sara' nerissimo (meno 25 per cento). Il secondo segnera' un meno 15,5 per cento, seguira', per l'Unrae, una lenta ripresa.

Fiat tiene Nonostante il sensibile calo del mercato dell’auto a novembre in Europa la quota di Fiat  cresce di 0,1 punti percentuali e a novembre con 71mila immatricolazioni si attesta all’8,3%. Nel progressivo anno le immatricolazioni del gruppo torinese sono 1.053.000 e la quota di mercato è all’8,3% contro l’8,1% nei primi 11 mesi del 2007. In particolare, a novembre, in Francia i volumi del Lingotto sono cresciuti del 9% e in Germania dell’1,1%, dati che consentono al Gruppo Fiat di consolidare nel mese la quinta posizione tra i maggiori costruttori presenti in Europa. Per quanto riguarda i singoli brand con quasi 56mila immatricolazioni Fiat a novembre aumenta la quota di 0,1 punti percentuali passando dal 6,4 al 6,5. Positivi anche i risultati ottenuti da Lancia che considerando i mercati al di fuori dell’Italia a novembre aumenta i propri volumi del 17,8% complessivamente le immatricolazioni del brend sono state 7.400, per un quota dell’0,9% in crescita di 0,1 punti percentuali. Infine Alfa Romeo conferma la quota ottenuta nello stesso mese dello scorso anno, 0,9%, anche se il brend nel progressivo anno risente ancora della ristrutturazione dello stabilimento di Pomigliano di inizio 2008.

Mercato in rosso La situazione è critica non solo nei mercati maturi dell’Europa occidentale (-26%) ma anche nei nuovi Stati membri (-22,6%). Tutti i mercati sono in rosso eccetto Finlandia (+71,8%), Polonia (+10,7%) e Repubblica Ceca (+2,0%). Tra i maggiori mercati dell’Europa occidentale, la Spagna è quella più in crisi (-49,6%) ma piangono anche Gran Bretagna (-36,8%) e Italia (-29,5%) mentre la Germania (-17,7%) registra la discesa più pesante da dicembre 2007 e la Francia (-14,1%) dall’agosto 2003. Tra i nuovi Stati membri, Repubblica Ceca e Polonia compensano i risultati negativi dell’Ungheria (-28,4%) e Romania (-53,1%). Sugli undici mesi, l’area registra una crescita di immatricolazioni dello 0,3%.