Un’auto vola giù dalla sopraelevata: sfiorati i passanti

Attimi di terrore in via di Francia Illeso il giovane conducente

A Ponente, infine, ma l’elenco dei disagi grandi e piccoli potrebbe andare avanti per un pezzo, chiusa l’Aurelia tra Albisola e Celle a causa di una frana.
Insomma, se questo è stato l’ingresso dell’autunno, c’è davvero poco da stare allegri.
L’incidente più grave della giornata è avvenuto intorno alle 17,30 quando, per motivi ancora in via di accertamento, un mezzo pesante proveniente da Milano improvvisamente sul viadotto Pietra Bissara ha tagliato una curva sfondando il guard rail di protezione e precipitando per diversi metri giù dal ponte, fino al torrente Scrivia. L’impatto è stato violentissimo e il tir ha preso fuoco. La situazione era tale che in un primo tempo i vigili del fuoco, subito intervenuti, non riuscivano neppure a rendersi conto se l’autista fosse morto nella caduta e se, come qualcuno sosteneva, anche un’auto avesse subito la stessa sorte. Il corpo dell’uomo è stato trovato dopo circa mezz’ora, mentre è stato accertato che a cadere era stato solo il mezzo pesante.
A causa dell’incidente l’autostrada A7 è rimasta chiusa fino a sera e si sono formate code lunghissime di mezzi. L’uscita è stata resa obbligatoria a Vignole Borbera, dove l’intenso traffico ha creato ulteriori problemi nella viabilità locale.
Molto spettacolare, e quasi miracolosa, la dinamica dell’auto finita giù dalla sopraelevata. Alla guida di un’utilitaria c’era un giovane, Stefano N., il quale verso le 18 è arrivato all’imbocco della sopraelevata, in direzione Foce, a velocità troppo forte rispetto alla pioggia battente. Ed è stato probabilmente per questo che l’uomo non è più riuscito a governare il veicolo che è letteralmente volato sullo scalino del guard rail, ha divelto la lamiera ed è finito nella sottostante via di Francia, a pochissimi metri da una fermata d’autobus. Fortunatamente le poche persone in attesa, allarmate dal rumore dell’incidente, sono riuscite a fuggire via mentre l’auto si schiantava tra asfalto e marciapiede. Il giovane, nonostante l’incredibile volo, ha riportato solo lievi ferite ed è stato trasportato in codice giallo all’ospedale di Villa Scassi.
Sempre per quanto riguarda la A7, è curioso notare che nella mattinata di ieri Autostrade per l’Italia aveva già annunciato tre ore di chiusura da mezzanotte alle 3, in direzione Genova, per interventi di massima sicurezza. Ma l’incidente del tir ha scombinato tutti i piani.